INCONTRI BIBLICI

Ogni mercoledì sera,  intorno alle 19:30, si svolgono degli incontri, tenuti dal parroco Don Rino, sul Vangelo di Marco, che  è il vangelo più corto scritto probabilmente intorno al 70 d.C. in Siria.

Fondamentalmente è un itinerario per conoscere Gesù e può essere diviso in tre parti :

  1. Ministero in Galilea (1,14-8,26)

  2. Cammino verso Gerusalemme (8,27-10,52)

  3. Ingresso  a Gerusalemme (11,1-16,8)

Il suo cammino inizia nel deserto con la predicazione del Battista, il battesimo e le tentazioni. Dopo questa preparazione, Gesù fa la sua comparsa in Galilea, proclamando "la buona notizia di Dio".​

Marco presenta Gesù pieno dello Spirito di Dio, libera i posseduti da   spiriti impuri, perdona  i peccati che paralizzano un'uomo, guarisce i lebbrosi riscattandoli dall'emarginazione religiosa e sociale, insegna con autorità nuova e sconosciuta, rompe le leggi del sabato. 

00:00 / 27:28

Secondo capitolo del Vangelo di Marco   "Alzati,  prendi il tuo   lettuccio,  e và a 

casa tua".   Il paralitico è un uomo sprofondato nella passività. Non può muoversi da solo, non parla, si lascia portare dagli altri. Vive inchiodato nella sua barella, paralizzato da una vita senza Dio.   Al contrario, gli amici lo amano e fanno di tutto per avvicinarlo a Gesù; non si fermano davanti a niente.  Gesù capisce i loro sforzi, ama e perdona.   La vita è fraternità, amicizia, cioè AMORE.

00:00 / 25:48

Terzo capitolo del Vangelo di Marco   "Costituì Dodici che stessero con lui". 

La si può dividere in tre momenti:    1.   Chiamata (v,13);   2.   Conferimento della missione e indicazione della finalità (v. 14-15);   3.   Lista dei dodici (v.16-19).  Se sono scelti è “affinché stessero con lui”, cioè in comunione di vita,    in un rapporto personale e individuale con lui e in relazione comunitaria tra loro. Alla fine viene indicata    la finalità missionaria: predicare  e scacciare i demoni.

00:00 / 38:01

Sesto capitolo del Vangelo di Marco   "Gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli 

riferirono tutto quello che avevano fatto e insegnato. Ed egli disse loro: «Venite in disparte, in un luogo solitario, e riposatevi un pò»"

00:00 / 32:47

Ottavo capitolo del Vangelo di Marco   " gli condussero un cieco pregandolo   di

toccarlo. Allora preso il cieco per mano, lo condusse fuori del villaggio e, dopo avergli messo della saliva sugli occhi, gli impose le mani e gli chiese: «Vedi qualcosa?». Quegli, alzando gli occhi, disse: «Vedo gli uomini, poiché vedo come degli alberi che camminano». Allora gli impose di nuovo le mani sugli occhi ed egli ci vide chiaramente e fu sanato e vedeva a distanza ogni cosa."  Il portarlo fuori  dal villaggio, indica, il percorso, una passeggiata lungo la via di intimità, di conoscenza con Gesù. I gesti (saliva e imposizione delle mani) sono intervallati  da un dialogo che segue il tempo di una guarigione parziale (cammino di fede).

00:00 / 30:08

Nono capitolo del Vangelo di Marco   "In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro,

Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte,  loro soli. Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime.   Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!»". Sul Tabor l'Invisibile si fà vedere perché l'amore, dal volto segreto, si svela. In Cristo si ricapitola il tempo e gli uomini, illuminati, diventano eco della voce della nube: Qui è Dio, in questo Figlio diletto. Qui è la Parola da ascoltare... Il segreto di ogni contemplazione è in quell'arrendersi attonito degli apostoli che si lasciano atterrare dalla luce increata fino a che comprenderanno il senso di quella prossimità bruciante che si chiama Amore eterno.

00:00 / 43:23

Decimo capitolo del Vangelo di Marco   "Avvicinatisi dei farisei, per metterlo alla

prova, gli domandarono: «E' lecito ad un marito ripudiare la propria moglie?». Ma egli rispose loro: «Che cosa vi ha ordinato Mosè?». Dissero: «Mosè ha permesso di scrivere un atto di ripudio e di rimandarla». Gesù disse loro: «Per la durezza del vostro cuore egli scrisse per voi questa norma. Ma all'inizio della creazione Dio li creò maschio e femmina; per questo l'uomo lascerà suo padre e sua madre e i due saranno una carne sola. Sicché non sono più due, ma una sola carne. L'uomo dunque non separi ciò che Dio ha congiunto»."

Davanti alla domanda dei farisei, Gesù rimanda all’inizio a ciò che è fondamento delle cose. A fondamento c’è una relazione, l’uomo non può stare da solo. La relazione originaria è quella con Dio, che gli ha offerto la sua amicizia, lo ha accolto dentro un giardino. L’uomo può scegliere, nella sua libertà, di andare via, ma non può negare che rimane il vuoto di un amore. Quando le relazioni cominciano a non funzionare, diventano come i farisei che cercano di scaricare su altri la responsabilità. Anche la relazione coniugale è una questione di cuore. Un amore pensato da Dio, vissuto come cammino di fede, che riassume il senso della vita umana.  Amore da custodire, alimentare insieme. Ognuno è volto di Dio!

00:00 / 36:22

Dal Vangelo di Giovanni   " Giovanni stava ancora là con  due dei suoi discepoli   e

fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l'agnello di Dio!». E i due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù. Gesù allora si voltò e, vedendo che lo seguivano, disse: «Che cercate?». Gli risposero: «Rabbì (che significa maestro), dove abiti?».  Disse loro: «Venite e vedrete»."

00:00 / 21:12

Dal Vangelo di Luca  "Un giorno, mentre Gesù  si trovava in un luogo    appartato a

pregare e i discepoli erano con lui, pose loro questa domanda:   «Chi sono io secondo la gente?».  Essi risposero: «Per alcuni Giovanni il Battista, per altri Elia, per altri uno degli antichi profeti che è risorto».  Allora domandò: «Ma voi chi dite che io sia?». Pietro, prendendo la parola, rispose: «Il Cristo di Dio».   «Il Figlio dell'uomo, disse, deve soffrire molto, essere riprovato dagli anziani, dai sommi sacerdoti e dagli scribi, esser messo a morte e risorgere il terzo giorno».

00:00 / 31:35

Dal Vangelo di Luca  "Ed ecco una donna, una peccatrice  di quella città,   saputo

che si trovava nella casa del fariseo, venne con un vasetto di olio profumato; e fermatasi dietro si rannicchiò piangendo ai piedi di lui e cominciò a bagnarli di lacrime, poi li asciugava con i suoi capelli, li baciava e li cospargeva di olio profumato."

00:00 / 23:34

Dal Vangelo di Giovanni  "Maestro, questa donna è stata sorpresa   in flagrante

adulterio. Ora Mosè, nella Legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa. Tu che ne dici?».  Questo dicevano per metterlo alla prova e per avere di che accusarlo. Ma Gesù, chinatosi, si mise a scrivere col dito per terra.  E siccome insistevano nell'interrogarlo, alzò il capo e disse loro: «Chi di voi è senza peccato, scagli per primo la pietra contro di lei».   Ma quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani fino agli ultimi.   Rimase solo Gesù con la donna là in mezzo.  Alzatosi allora Gesù le disse: «Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?».  Ed essa rispose: «Nessuno, Signore». E Gesù le disse: «Neanch'io ti condanno; và e d'ora in poi non peccare più».

00:00 / 27:29

Dal Vangelo di Giovanni  "Maria di Magdala invece stava   all'esterno vicino al

sepolcro e piangeva. Mentre piangeva, si chinò verso il sepolcro e vide due angeli in bianche vesti, seduti l'uno dalla parte del capo e l'altro dei piedi, dove era stato posto il corpo di Gesù. Ed essi le dissero: «Donna, perché piangi?». Rispose loro: «Hanno portato via il mio Signore e non so dove lo hanno posto». Detto questo, si voltò indietro e vide Gesù che stava lì in piedi; ma non sapeva che era Gesù. Le disse Gesù: «Donna, perché piangi? Chi cerchi?». Essa, pensando che fosse il custode del giardino, gli disse: «Signore, se l'hai portato via tu, dimmi dove lo hai posto e io andrò a prenderlo». Gesù le disse: «Maria!». Essa allora, voltatasi verso di lui, gli disse in ebraico: «Rabbunì!», che significa: Maestro! Gesù le disse: «Non mi trattenere, perché non sono ancora salito al Padre; ma và dai miei fratelli e dì loro: Io salgo al Padre mio e Padre vostro, Dio mio e Dio vostro». Maria di Màgdala andò subito ad annunziare ai discepoli: «Ho visto il Signore» e anche ciò che le aveva detto.

00:00 / 28:35

Undicisemo capitolo del    Vangelo di Marco  "Quando si avvicinarono a

Gerusalemme, verso Bètfage e Betània, presso il monte degli Ulivi, mandò due dei suoi discepoli e disse loro: «Andate nel villaggio che vi sta di fronte, e subito entrando in esso troverete un asinello legato, sul quale nessuno è mai salito. Scioglietelo e conducetelo.  E molti stendevano i propri mantelli sulla strada e altri delle fronde, che avevano tagliate dai campi.  Quelli poi che andavano innanzi, e quelli che venivano dietro gridavano:   Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore! Benedetto il regno che viene, del nostro padre Davide! Osanna  nel più alto dei cieli!   Ed entrò a Gerusalemme, nel tempio."   Siamo anche giunti alle ultime tappe della vita di Gesù. Viene accolto come un re-messia; non entra come pellegrino, ma decide di entrare in modo trionfale, servendosi di due discepoli.

00:00 / 25:46

Dodicesimo capitolo del    Vangelo di Marco  "Qual è il primo di  tutti i

comandamenti?». Gesù rispose: «Il primo è: Ascolta, Israele. Il Signore Dio nostro è l'unico Signore;  amerai dunque il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza.  E il secondo è questo: Amerai il prossimo tuo come te stesso. Non c'è altro comandamento più importante di questi».  Allora lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità che Egli è unico e non v'è altri all'infuori di lui;  amarlo con tutto il cuore, con tutta la mente e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso val più di tutti gli olocausti e i sacrifici».  Gesù, vedendo che aveva risposto saggiamente, gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio»

00:00 / 37:29

Quattordicesimo e quindicesimo capitolo del    Vangelo di Marco   "  Gesù si

trovava a Betània nella casa di Simone il lebbroso. Giunse una donna con un vasetto di alabastro, pieno di olio profumato di nardo genuino di gran valore; ruppe il vasetto di alabastro e versò l'unguento sul suo capo. Ci furono alcuni che si sdegnarono fra di loro: «Perché tutto questo spreco di olio profumato? Si poteva benissimo vendere quest'olio a più di trecento denari e darli ai poveri!». Ed erano infuriati contro di lei.   Allora Gesù disse: «Lasciatela stare; perché le date fastidio? Ella ha compiuto verso di me un'opera buona;   i poveri infatti li avete sempre con voi e potete beneficarli quando volete, me invece non mi avete sempre.   In verità vi dico che dovunque, in tutto il mondo, sarà annunziato il vangelo, si racconterà pure in suo ricordo ciò che ella ha fatto".

00:00 / 42:18

Sedicesimo capitolo del    Vangelo di Marco   " Risuscitato al mattino nel primo

giorno dopo il sabato, apparve prima a Maria di Màgdala, dalla quale aveva cacciato sette demòni.  Questa andò ad annunziarlo ai suoi seguaci che erano in lutto e in pianto. Ma essi, udito che era vivo ed era stato visto da lei, non vollero credere.   Alla fine apparve agli undici, mentre stavano a mensa, e li rimproverò per la loro incredulità e durezza di cuore, perché non avevano creduto a quelli che lo avevano visto risuscitato. Gesù disse loro: «Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura.  Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo, ma chi non crederà sarà condannato.  E questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno i demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano i serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno, imporranno le mani ai malati e questi guariranno». Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu assunto in cielo e sedette alla destra di Dio. Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore operava insieme con loro e confermava la parola con i prodigi che l'accompagnavano."

00:00 / 25:15

Nono capitolo Atti degli Apostoli "Saulo frattanto, sempre fremente  minaccia

e strage contro i discepoli del Signore, si presentò al sommo sacerdote e gli chiese lettere per le sinagoghe di Damasco al fine di essere autorizzato a condurre in catene a Gerusalemme uomini e donne, seguaci della dottrina di Cristo, che avesse trovati. E avvenne che, mentre era in viaggio e stava per avvicinarsi a Damasco, all'improvviso lo avvolse una luce dal cielo e cadendo a terra udì una voce che gli diceva: «Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?». Rispose: «Chi sei, o Signore?». E la voce: «Io sono Gesù, che tu perseguiti! Orsù, alzati ed entra nella città e ti sarà detto ciò che devi fare».  Ora c'era a Damasco un discepolo di nome Anania e il Signore in una visione gli disse: «Anania!». Rispose: «Eccomi, Signore!».  E il Signore a lui: «Su, và sulla strada chiamata Diritta, e cerca nella casa di Giuda un tale che ha nome Saulo, di Tarso; ecco sta pregando,  e ha visto in visione un uomo, di nome Anania, venire e imporgli le mani perché ricuperi la vista». Allora Anania andò, entrò nella casa, gli impose le mani e disse: «Saulo, fratello mio, mi ha mandato a te il Signore Gesù, che ti è apparso sulla via per la quale venivi, perché tu riacquisti la vista e sia colmo di Spirito Santo». E improvvisamente gli caddero dagli occhi come delle squame e ricuperò la vista; fu subito battezzato".

00:00 / 23:57

Sedicesimo capitolo Atti degli Apostoli "Salpati da Troade,   facemmo vela 

verso Samotracia e il giorno dopo verso Neapoli e di qui a Filippi, colonia romana e città del primo distretto della Macedonia. Restammo in questa città alcuni giorni; il sabato uscimmo fuori della porta lungo il fiume, dove ritenevamo che si facesse la preghiera, e sedutici rivolgevamo la parola alle donne colà riunite. C'era ad ascoltare anche una donna di nome Lidia, commerciante di porpora, della città di Tiàtira, una credente in Dio, e il Signore le aprì il cuore per aderire alle parole di Paolo. Dopo esser stata battezzata insieme alla sua famiglia, ci invitò: «Se avete giudicato ch'io sia fedele al Signore, venite ad abitare nella mia casa». E ci costrinse ad accettare".

00:00 / 25:10

Ventiquattresimo capitolo di Luca "I discepoli di Emmaus".

"Ed ecco in quello stesso giorno due di loro erano in cammino per un villaggio distante circa sette miglia da Gerusalemme, di nome Emmaus, e conversavano di tutto quello che era accaduto. Mentre discorrevano e discutevano insieme, Gesù in persona si accostò e camminava con loro. Ma i loro occhi erano incapaci di riconoscerlo. Ed egli disse loro: «Che sono questi discorsi che state facendo fra voi durante il cammino?». Si fermarono, col volto triste;uno di loro, di nome Clèopa, gli disse: «Tu solo sei così forestiero in Gerusalemme da non sapere ciò che vi è accaduto in questi giorni?». Domandò: «Che cosa?». Gli risposero: «Tutto ciò che riguarda Gesù Nazareno, che fu profeta potente in opere e in parole, davanti a Dio e a tutto il popolo;come i sommi sacerdoti e i nostri capi lo hanno consegnato per farlo condannare a morte e poi l'hanno crocifisso. Noi speravamo che fosse lui a liberare Israele; con tutto ciò son passati tre giorni da quando queste cose sono accadute. Ma alcune donne, delle nostre, ci hanno sconvolti; recatesi al mattino al sepolcro e non avendo trovato il suo corpo, son venute a dirci di aver avuto anche una visione di angeli, i quali affermano che egli è vivo. Alcuni dei nostri sono andati al sepolcro e hanno trovato come avevan detto le donne, ma lui non l'hanno visto». Ed egli disse loro: «Sciocchi e tardi di cuore nel credere alla parola dei profeti! Non bisognava che il Cristo sopportasse queste sofferenze per entrare nella sua gloria?». E cominciando da Mosè e da tutti i profeti spiegò loro in tutte le Scritture ciò che si riferiva a lui. Quando furon vicini al villaggio dove erano diretti, egli fece come se dovesse andare più lontano. Ma essi insistettero: «Resta con noi perché si fa sera e il giorno gia volge al declino». Egli entrò per rimanere con loro. Quando fu a tavola con loro, prese il pane, disse la benedizione, lo spezzò e lo diede loro. Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero. Ma lui sparì dalla loro vista. Ed essi si dissero l'un l'altro: «Non ci ardeva forse il cuore nel petto mentre conversava con noi lungo il cammino, quando ci spiegava le Scritture?». E partirono senz'indugio e fecero ritorno a Gerusalemme, dove trovarono riuniti gli Undici e gli altri che erano con loro, i quali dicevano: «Davvero il Signore è risorto ed è apparso a Simone». Essi poi riferirono ciò che era accaduto lungo la via e come l'avevano riconosciuto nello spezzare il pane."